Precisazioni per la lettura

  • Alcune premesse

    Alcune premesse necessarie per una corretta lettura delle informazioni: la nostra famiglia è composta di quattro persone, due adulti e due bimbe, nate una nel 2014 e l’altra nel 2016; viviamo in un posto meravigliosamente bello… ma lontanissimo da tutto; il viaggio è finalizzato alla gara, che rimane sempre (o quasi…!) la parte più importante.
  • Un po' di storia...

    Quando mio marito il 13 agosto 2016 durante un abbondante pranzo di famiglia ha annunciato: “da domani inizio a correre!”, sapevo benissimo che la cosa non sarebbe finita lì. Non è il tipo che fa le cose tanto per fare e alla fine riesce sempre a coinvolgermi (almeno in parte!).

Sarnico-Lovere 2018 - Il viaggio in famiglia

Sarnico-Lovere 2018 - Il viaggio in famiglia

La gara

Resoconto e info per atleti: Sarnico-Lovere Run 2018

Perché l’abbiamo scelta

Questa è stata la prima gara “di famiglia” e per questo battesimo abbiamo scelto un posto bellissimo dove vivono persone per noi speciali, che con la scusa siamo andati a trovare.

Oltre a questo motivo “di cuore”, il lago d’Iseo è uno sfondo meraviglioso per un fine settimana (o anche più) sia in coppia sia in famiglia.

Dulcis in fundo… c’era la possibilità di fare una bella sorpresa alle mie bimbe al ritorno!

Ah…la gara mi dicono sia molto bella! ;-)

Durata del soggiorno

21 – 24 aprile 2018

Dove abbiamo soggiornato

Abbiamo scelto una sistemazione in B&B a Castro. Vulcano Village

Cosa ci è piaciuto:

  • Le camere, organizzate con la formula dell’albergo diffuso, erano molto belle, nuove e confortevoli;

  • È a due passi dal traguardo, che è anche la zona dove si ritirano i pacchi gara;

  • Il ristorante/pizzeria che fa da appoggio alla struttura (dove vengono servite le colazioni) è vista lago e a lato del tracciato di gara;

  • Per gli atleti c’era la possibilità di fare colazione alle 6:00, in maniera da poter poi prendere con tranquillità il bus per Sarnico messo a disposizione dall’organizzazione della gara.

Da tenere in considerazione:

Nei dintorni non ci sono moltissimi altri locali, per un gelato o se non si vuole pranzare/cenare nel locale d’appoggio occorre spostarsi un pochino in macchina (o con passeggiata lungo lago di media lunghezza) per raggiungere il centro di Lovere.

Come seguire la gara

La Sarnico – Lovere, lo dice il nome, è una di quelle gare che parte in un paese e arriva in una altro.

Soggiornando in zona arrivo e trovandomi a dover gestire da sola le due bimbe (4 e 2 anni), ho trovato molto comodo il dehors del ristorante di appoggio della struttura, dove abbiamo fatto colazione in tarda mattinata godendoci dal tavolo il passaggio degli atleti delle gare non competitive.

Ci siamo poi posizionate esattamente di fronte al ristorante del B&B, dove c’è un meraviglioso praticello con vista sul lago. Eravamo a pochi passi dal traguardo, quindi passato il papy l’abbiamo raggiunto lì senza problemi.

Nota dolente: le gallerie lungo il percorso che facevano bloccare di continuo il segnale GPS!

Cosa abbiamo visto in zona

Noi ci siamo organizzati così:

21 sabato: la giornata è stata occupata da viaggio, sistemazione in B&B, pranzo al Ristorante Vulcano, breve passeggiata lungo lago per ritiro pettorali e sbirciatina alle bancarelle degli sponsor, visita agli amici a Cerete e poi…meritato riposo!

22 domenica: protagonista la gara, poi giretto a piedi per defaticamento fino al centro di Lovere con tappa per gelato. Per il resto relax!

23 lunedì: dedicato all’esplorazione dei dintorni. Abbiamo ripercorso in senso contrario (e in macchina!!!) il tracciato della gara fino a Sarnico, dove ci siamo fermati per una passeggiata lungo lago, un giro in centro e pranzo al ristorante Il chiostro.

Pomeriggio passeggiata a Paratico e poi abbiamo proseguito il nostro giro in auto con sosta merenda alla Gelateria Pulcini e visita al meraviglioso centro di Iseo.

24 martedì: partenza da Castro dopo colazione e, visto che eravamo di strada… per la gioia delle nostre piccole (ma non solo!)… abbiamo fatto tappa a Leolandia prima di rientrare a casa.